mercoledì 9 luglio 2008

Ecclesiaste

(Pablo Picasso)


Vanità delle vanità, tutto è vanità.
Quale utilità ricava l`uomo da tutto l`affanno
per cui fatica sotto il sole?
Una generazione va, una generazione viene
ma la terra resta sempre la stessa.
Il sole sorge e il sole tramonta,
si affretta verso il luogo da dove risorgerà.
Il vento soffia a mezzogiorno, poi gira a tramontana;
gira e rigira e sopra i suoi giri il vento ritorna.
Tutti i fiumi vanno al mare,
eppure il mare non è mai pieno:
raggiunta la loro mèta,
i fiumi riprendono la loro marcia.
Tutte le cose sono in travaglio
e nessuno potrebbe spiegarne il motivo.
Non si sazia l`occhio di guardare
né mai l`orecchio è sazio di udire.
Ciò che è stato sarà
e ciò che si è fatto si rifarà;
non c`è niente di nuovo sotto il sole.
C`è forse qualcosa di cui si possa dire:
"Guarda, questa è una novità"?
Proprio questa è già stata nei secoli
che ci hanno preceduto.
Non resta più ricordo degli antichi,
ma neppure di coloro che saranno
si conserverà memoria
presso coloro che verranno in seguito.
.
.
.

San Benedetto del Tronto, 9 luglio 2008
.
I giorni succedono ai giorni e anche questo breve periodo di riposo sta per terminare.

C'è ancora la bellezza ? in me stesso, nei miei pensieri, naturalmente.
E' una domanda di senso a cui non posso rispondere.
In questi giorni ho letto numerosi libri, passeggiato sul lungo mare all'ombra delle palme...lasciato correre la fantasia.
.
Riesco ancora a leggere nella gente e le cose il bello che offre la vita?
E' facile fraintendere gli altri e se stessi.
E' facile essere fraintesi quando ''cerchi o parli '' della bellezza.

Non c'è tempo per scrivere... il locale è affollato. Tornerò più avanti su questo argomento.

3 commenti:

philippine lotto result ha detto...

that's way too cool.

parent plus loan ha detto...

very awsome.


parent plus loan

Iveta ha detto...

Olá amigi Nino!
gosto de ter ver por cá!
Vou roubar algumas das tuas palavras...
beijo