sabato 21 giugno 2008

IL PINTURICCHIO




Bernardino di Betto, detto il Pinturicchio, è un pittore piacevole, dotato di una facile vena narrativa e di uno spiccato senso decorativo. Tra le fine del '400 e l'inizio del '500 il carattere raffinato e celebrativo della sua pittura lo rese estremamente celebre e richiesto come testimonia la sua ricca produzione figurativa apprezzata da una lunga serie di pontefici a partire da Sisto IV. Dopo alcuni anni di collaborazione con il Perugino, a fianco del quale partecipò alla decorazione della Cappella Sistina , il Pinturicchio operò autonomamente a Roma, Perugia, Spoleto e Orvieto.



A Spoleto all'interno del Duomo dedicato a Santa Maria Assunta, si trova la cappella Eroli, voluta da un vescovo della città a fine Quattrocento, e decorata da Pinturicchio con una fine scena di Madonna col Bambino circondata da Santi. La veduta retrostante, evocativa del paesaggio umbro reso celebre anche dal Perugino, mostra lo svolgimento di un evento processionale legato al committente.

4 commenti:

ELENA ha detto...

Buona domenica anche a te!
Io come al solito devo studiare!

Caterina ha detto...

Buona domenica!!! Oggi vado ad un compleanno. Il festeggiato compie quota 1 anno!!! :-D

Maria P. ha detto...

Muito bonito.
Grata.

marcella candido cianchetti ha detto...

che mi ero persa ho fatto il giro quando ancora non si parlava di grande mostra mediatica anche a roma ,il sordichio lavorava molto x aveva 3 figlie femmine da dotare se ricordo bene una ha sposato un suo allievo, il l'Aluuni? che ha lasciato bellissime cose a foligno ecc... buona giornata